Quando è rapporto di lavoro subordinato

Indipendentemente dalla qualificazione formale del rapporto di lavoro (collaborazione coordinata e continuativa, collaborazione a  progetto), se elemento essenziale del vincolo è rappresentato dalla sottoposizione del lavoratore al potere

direttivo, organizzativo, gerarchico e disciplinare del datore, si è in presenza di un rapporto “subordinato”.

Il principio è stato affermato, da ultimo, dalla Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 4476 del 2 febbraio – 21 marzo 2012, che ha rigettato il ricorso presentato da una società operante nel settore dei call centers, condannata dalla Corte di Appello di Roma al risarcimento del danno nei confronti di una lavoratrice, il cui rapporto era stato riconosciuto dalla Corte medesima come “subordinato”.

In particolare, in primo grado di giudizio, la ricorrente si era vista rigettare le proprie doglianze dal Tribunale di Roma, Sezione Lavoro. In seguito, la Corte di Appello di Roma aveva riformato la sentenza, dichiarando la natura subordinata del rapporto di lavoro intercorso, con condanna della società datrice al risarcimento del relativo danno.

A tale proposito era stato rilevato che, seppure  le parti avessero attributo al rapporto dapprima la qualificazione di collaborazione coordinata e continuativa e, in seguito, di collaborazione a progetto, i contratti via via succedutisi, per un periodo di sei anni, in sostanza configuravano un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

La Corte di Cassazione , nel rigettare il ricorso, ha evidenziato, in conformità con la sua copiosa giurisprudenza, che elemento essenziale del vincolo di subordinazione è rappresentato dal potere gerarchico e disciplinare del datore di lavoro, rispetto al quale altri elementi del rapporto rivestono carattere accidentale.

Di conseguenza, è del tutto irrilevante assegnare al rapporto una diversa denominazione, ove a questa non corrisponda la effettiva realtà di fatto.

art. a cura dell'Avv. G. Chiappa

Questo sito utilizza i cookie di sessione e analytics di "terze parti" per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.